And Music For All…..

27 02 2014

La montagna è traditrice. In realtà lo è il lago, ma visto che durante quest’inverno gli incidenti ad alta quota non sono mancati, mi sembra giusto cambiare leggermente questo detto popolare. Purtroppo anche il più esperto degli alpinisti deve fare i conti con i pericoli che riservano le catene montuose. Valanghe, crepacci, frane, bufere, perdita dell’orientamento, sono solo alcune principali minacce. A ciò si aggiungono i frequenti incidenti di sciatori che, per chissà quali stimoli, tentano rischiosi fuori pista. La lista nera ogni inverno è sempre più numerosa, e quest’anno “vanta” pure due tra le più importanti personalità tedesche. La cancelliera Angela Merkel, vittima di una caduta mentre faceva fondo, si è rotta il bacino, mentre è andata decisamente peggio al pilota Michael Schumacher, che ha sbattuto violentemente il cranio, a tal punto da essere tuttora in coma farmaceutico. Un caso analogo, ovvero di due connazionali caduti in una simile disgrazia, mi ha riportato con la mente nell’inverno 1997/98. Il 31 dicembre, sulle nevi di Aspen in Colorado, Michael Kennedy, membro della famosa famiglia americana, nonché figlio di Robert, perse la vita andando a sbattere a velocità sostenuta contro un albero. Sei giorni dopo, ma in Nevada, decedette nella stessa modalità, anche Sonny Bono.

imagesSalvatore Phillip Bono è nato a Detroit il 16 febbraio 1935, da genitori di origini italiane. Il padre Santo Bono e la madre Zena “Jean” La Valle, erano entrambi palermitani. Dalla loro relazione nacquero ben cinque figli, due femmine e tre maschi, dei quali Sonny era proprio l’ultimogenito. A soli sette anni si traferisce con l’intera famiglia a Los Angeles dove, non essendosi laureato alla Inglewood High School, si lancia senza indugio in una carriera musicale dagli esiti subito molto positivi. A soli sedici anni compone la canzone “Koko Joe” che, presa in prestito dagli Righteous Brothers, ottiene un ottimo successo. Per breve tempo lavora come autista oppure in negozio di macelleria, ma in breve tempo diventa l’autore di spicco della Specialty Records. Suoi i testi di “Things You Do To Me” di Sam Cooke images (1)e “High School Dance” di Larry Williams. Nei primi anni sessanta entra nella scuderia guidata da Phil Spector, la Philles Records, in qualità di uomo di produzione, percussionista e tuttofare. Insieme ad un altro cavallo di razza di Spector, Jack Nitzsche, scrive la hit “Needles and Pins”, mentre in proprio realizza “Laugh At Me” e “The Revolution Kid”, che in Italia verrà adattata dai Nomadi in “Come Potete Giudicar”. Nel novembre del 1962, all’interno di un bar di Los Angeles usato nei momenti di pausa durante le registrazioni delle Ronettes, gruppo di punta di Spector, Sonny s’innamora di una delle coriste, Cherylin Sarkisian, in arte Cher. All’epoca lei aveva solo sedicenne, undici anni in meno di lui. Nonostante la differenza anagrafica, i due incominciano una relazione amorosa e professionale, decidendo di chiamarsi dapprima Caesar and Cleo, ed infine Sonny e Cher. Nel 1964, tramite la Reprise Records, incidono i Singoli “The Letter”, “Do You Wanna Dance” e “Love is Stange”, che però finiscono in fretta nel dimenticatoio. Diversa fine farà invece “Baby Don’t Go”, il primo grande successo della coppia che, grazie alle attenzioni ed ai soldi ricevuti, è pronta a lanciarsi sul mercato col images (2)primo disco, giusto nell’estate del 1965. “Look at Us”, questo il suo titolo, si piazza subito al numero due della classifica di Billboard e ci rimane per otto settimane di fila. Il tutto grazie al singolo di apertura, quella “I Got You Babe”, che successivamente ha dato molta notorietà anche al gruppo reggae britannico degli Ub40. The Ed Sullivan Show, American Bandstand, Where The Action Is, Hollywood a Go-Go, Hollywood Palace, Hullabaloo, Beat Club, Shindig!, Ready Steady Go e Top of the Pops, sono solo alcuni dei vari programmi televisivi dove Sonny e Cher fanno praticamente parte del mobilio. Appaiono nel ruolo di se stessi in “Wild Beach”, una pellicola in bianco e nero del 1965, diretta da Maury Dexter. I cinque singoli estratti da “Look at Us”, si piazzano tutti insieme nei primi venti posti della classifica di vendite americana, solo Elvis fu capace di meglio. La loro popolarità è alle stelle, e così nell’aprile del 1966 esce il loro images (3)secondo album “The Wondrous World of Sonny and Cher” che, nonostante il 34° posto nelle classifiche americane, viene accompagnato da un tour mondiale che fa segnare il tutto esaurito. In questo periodo incomincia anche la carriera solista di Cher che, con l’ausilio del compagno, incide praticamente un disco all’anno, centrando fin da subito il successo con le canzoni “Alfie”, colonna sonora del film omonimo, e “Bang Bang (My Baby Shot Me Down)”, che in molti ricordano nell’interpretazione di Nancy Sinatra, inserita nel film “Kill Bill” di Quentin Tarantino. Nel 1967 esce il terzo album della coppia, “In Case You’re In Love”, contenente i successi “The Beat Goes On” e “Little Man”. Per capitalizzare al meglio il loro successo, Sonny organizza anche il loro debutto sul grande schermo. Con la regia di William Friedkin e George Sanders, nel 1968 la ABC realizza “Good Times”, una pellicola divertente come i cachi a merenda che, a causa della images (4)trama poco efficace, ovvero una serie di gag assai poco divertenti, risulta un vero e proprio flop ai botteghini, tanto che il successivo film del duo, “Speedway”, fu assegnato ad Elvis e Nancy Sinatra. Analoga sorte per “Chastity”, che invece di lanciare la carriera cinematografica di Cher come aveva pronosticato il compagno, la chiude per oltre un decennio. Chastity è il nome anche della loro prima ed unica figlia, nata nel 1969, e che quattro anni fa ha cambiato sesso e nome. Ora si chiama Chaz ed è un valido avvocato. Dopo l’inizio scoppiettante, la carriera di entrambi subisce un considerevole calo dovuto al fatto che il loro sound, molto morbido e commerciale, è stato scansato dal rock psichedelico, molto in voga in quel momento. A mantenere il loro successo stabile ci pensa sempre Sonny che, trovato un contratto Las Vegas,  realizza uno spettacolo teatrale-images (5)musicale incentrato sulla loro vita coniugale. Dopo l’iniziale menefreghismo generale, la CBS punta gli occhi su di loro, e nel 1971 parte così il “The Sonny and Cher Comedy Hour”, uno spettacolo inizialmente estivo, che nel giro di un anno conquista il paese e 15 nomination agli Emmy Award in quattro anni di programmazione. Nel 1972, Sonny e Cher tornano in studio e realizzano l’album “All I Ever Need Is You”, che con il singolo omonimo e “A Cowboy’s Work Is Never Done”, ottiene un ottimo successo. Durante la terza stagione dello spettacolo, il rapporto tra i due comincia a creparsi e così, il 27 giugno 1975, arriva l’inatteso divorzio. I media impazziscono alla notizia, e sono in molti a credere che alla fine sarà Cher a risentirne. Invece, dopo sole sei settimane, il The Sonny Comedy Reveu, il programma solista di Bono, viene annullato, a differenza dello spettacolo di Cher che, grazie alla presenza di star come Flip Wilson, Bette Midler ed Elton John, ottiene uno share elevatissimo. Inoltre Cher riceve un Golden Globe come migliore attrice con il Sonny e Cher Show. Come dire, oltre il danno la beffa per Sonny, che potrà consolarsi quando, nel 1976, la Mego 101127_otrc_cher_bono_myspace_3Toys, lancia sul mercato una linea di giocattoli e bambole ispirati alla coppia. Bono aveva già divorziato una prima volta, nel 1962, dopo un matrimonio durato otto anni con Donna Rankin, con la quale ebbe la figlia Christine. Di soli due anni, 1982-84, il terzo sposalizio del cantante, avvenuto assieme a Susie Coelho. Non c’è due senza tre ed il quarto vien da sé, così nel 1986 si sposa per l’ultima volta con Mary Whitaker, riuscendo ad avere ancora due figli, Chesare Elan ed Chianna Marie. Nel 1988, nel tentativo di aprire un ristorante a Palm Spring, Sonny si scontra con la complicata burocrazia locale che ostacolava lo sviluppo commerciale. Decide così di sfruttare  la sua enorme popolarità, venendo eletto sindaco nel giro di pochi mesi. Durante il suo mandato, oltre a rendere Palm Spring una città più apprezzabile, istituisce un festival internazionale del cinema, che oggi porta il suo nome. Lasciata alle spalle la musica ad appannaggio della politica, Bono nel 1992 si candida con il Partito Repubblicano al Congresso ma viene sconfitto dalla rivale democratica Barbara Boxer. Ci riprova, e questa volta con successo, nel 1994 quando viene eletto deputato per il 44° collegio elettorale della California. Da parlamentare fu il primo 1345359442_3976_Sonny_Bonofirmatario di un disegno di legge per l’estensione dei termini di scadenza del diritto d’autore. Legge approvata dopo la sua morte e che anch’essa venne chiamata in suo onore. Si fece promotore anche di una campagna per la salvaguardia del lago Salton, realizzando persino un documentario. Si arriva così alla tragica giornata del 5 gennaio 1998 quando, come detto in precedenza, Sonny Bono perse la vita sulle nevi di Aspen. Ai funerali, in diretta televisiva sulla CNN Cher, visibilmente commossa, tenne un lungo discorso commemorativo e dedico all’ex marito il suo album successivo, il pluripremiato “Belive”. Bono venne poi seppellito al Desert Memorial Parck, dove lo stesso anno ci finì purtroppo anche Frank Sinatra. Il suo incarico politico fu portato a termine dalla moglie Mary. Finiamo col ricordare che Sonny Bono è stato anche il padrino di Anthony Kiedis, frontman dei Red Hot Chili Peppers.

Questa è “The Beat Goes On”, 1967, Sonny & Cher.

http://www.youtube.com/watch?v=umrp1tIBY8Q

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: